L’importanza dei numeri

Ragionavo sul significato dei numeri,
su quanto e in quali situazioni riusciamo a cogliere correttamente il
valore che esprimono. Soprattutto quando si tratta di numeri elevati,
che nella maggior parte dei casi sfuggono ad un possibile riferimento.

Miliardi di stelle sono visibili nel
cielo notturno, milioni di euro i soldi che si vincono con il
superenalotto, centomila (e oltre) le vittime del recente terremoto ad
Haiti. Possiamo indicare quale di questi numeri è il più grande, ma non
possiamo visualizzare queste quantità. Sono numeri troppo alti, per noi
che abbiamo imparato a contare su dieci dita. Eppure li troviamo in
continuazione, come certificazione della quantità esatta del tutto, e il
più delle volte rimaniamo indifferenti, anche se dovrebbero lasciarci
stupiti, perplessi, preoccupati, meravigliati, spaventati. I numeri ci
circondano, scandiscono il tempo della nostra vita, possono stabilirne
il benessere. Evidenziano la differenza tra chi ha e chi non ha.
Stabiliscono il valore di una persona tramite i voti. Basta uno zero in
più o in meno per modificare drasticamente uno stipendio mensile. Un
numero sbagliato in un progetto edilizio può causare danni irreparabili.
Ricordo che da piccolo a nascondino si contava fino a cento prima di
mettersi a cercare. Ecco, cento è un numero che possiamo immaginare.
Cento persone non sono tante. Per la morte di cento persone possiamo
impressionarci quanto basta.

Da uno a dieci, che voto daresti a questo articolo?…

Lascia un commento