Cosa fare in caso di colpo di sole

Il colpo di sole, da non confondere con il colpo di calore,
è un altro malessere causato dalle giornate afose. Nonostante i sintomi
siano in gran parte simili a quelli del colpo di calore, il trattamento
è differente.

Un aspetto che differenzia il colpo di sole dal colpo di calore
è il modo in cui si presenta il malessere. Infatti mentre nel colpo di
calore si assiste ad una evoluzione progressiva del problema, il colpo
di sole ha degli effetti improvvisi, quindi non ci sono avvisaglie che
possano mettere in allarme una persona. I sintomi tipici di un colpo di
sole sono mal di testa, giramenti di testa, allucinazioni, una pelle
calda e secca, tachicardia e bassa pressione. La maggior parte di questi
sono gli stessi del colpo di calore,
ma, come già detto, la differenza la fa la rapidità in cui insorge il
malessere. Per poter soccorrere una persona vittima di un colpo di sole
bisogna innanzi tutto portarla in un luogo fresco e all’ombra. Si deve
poi cercare di abbassare la temperatura corporea della vittima, ad
esempio togliendole gli indumenti e avvolgendola con un lenzuolo fresco e
umido, su cui si deve spruzzare acqua, fintanto ché la temperatura del
corpo non arriva intorno ai 38 gradi. A quel punto si deve sostituire il
lenzuolo bagnato con uno asciutto.

Lascia un commento